e si corre veloci.

Passando alla velocità una premessa è doverosa: le corse veloci come tutti sanno sono influenzate dal vento. A Bressanone se il tempo è bello non ci sono problemi, può esserci una bavetta di vento a favore o contro ma di solito è ininfluente. Qualche problemino si ha quando il tempo sta cambiando. Se le condizioni atmosferiche stanno volgendo al bello il vento è generalmente a favore, ma se arriva brutto allora è contrario alla direzione di corsa.

Detto questo ci par giusto ricordare che Andrew Howe da allievo, in occasione del Brixia Meeting 2003, stabilì il nuovo record Europeo U18 dei 200m con l’ottimo tempo di 20”99. Tornò a Bressanone nel 2012 e in quell’occasione chiuse i 200 con 20”76 ma con 1.9 di vento in faccia. Meglio di lui fecero nel 2001 Alessandro Cavallaro con 20”56 e Koura Kaba Fantoni nel 2005 con un ottimo 20”58. Per quanto riguarda i 100m, sicuramente da ricordare il 10”26 di Marco Torrieri e l’11”31 di Manuela Levorato, ambedue nel 2001. E per finire la classica ciliegina sulla torta: uno splendido 22”91 di Libania Grenot sui 200m realizzato agli assoluti del 2012.