Gli assoluti tornano a Bressanone

Da venerdì 26 a domenica 28 luglio, la “Raiffeisen Arena” di Bressanone diventerà l’arena della rassegna nazionale del 2019.Tornano quindi a Bressanone, dopo le stupende edizioni del 2005 e del 2012, i Campionati Italiani Assoluti, l’evento più importante dell’atletica italiana. Quello che ci piace sottolineare è che ciò avviene a 10 anni dall’organizzazione dei “Iaaf World Youth Championships“ di  “Südtirol 2009”.

Ecco perché abbiamo voluto ricordare quella manifestazione organizzando nuovamente qualche cosa di veramente prestigioso a cui intendiamo abbinare questa importante ricorrenza. Ci saranno proprio tutti i migliori atleti e le migliori atlete, tutti per concorrere alla conquista della maglia di campione italiano nelle varie specialità dell’atletica leggera. E fra questi ci saranno anche alcuni dei 46 atleti ed atlete che il mondiale del 2009 l’hanno vissuto in prima persona e che oggi stanno cercando di farsi largo a livello internazionale.

Quest’anno sarà l’anno del mondiale di Doha in Qatar e quindi il Campionato Italiano di Bressanone per molti sarà un banco di prova per la manifestazione iridata. Per altri sarà l’occasione per centrare gli standard imposti dalla IAAF per poter salire sull'aereo diretto a Doha. E’ chiaro che tutto questo sarà un richiamo non indifferente per i mezzi d’informazione che dalle gare di Bressanone vorranno attingere informazioni dettagliate sullo stato di salute dei vari atleti. Ma sarà anche l‘occasione per vedere all‘opera gli atleti sudtirolesi, quelli che nel corso degli ultimi anni tante soddisfazioni hanno dato al movimento sportivo locale. Sarà Hannes Kirchler a rappresentare il mondo dell’atletica sudtirolese: 10 titoli agli Assoluti (2005, 2006, 2007, 2008, 2009, 2010, 2014, 2015, 2016 e 2017) e tre ai Campionati Invernali di lanci lunghi: 2007, 2014 e 2017.

Tre giornate di gare incalzanti, seguite, come tradizione per le gare di Bressanone, da un pubblico entusiasta e competente. Tre giorni di vera promozione dell’atletica leggera, ma anche di promozione della nostra terra per bellezza, ospitalità e capacità organizzativa.